SFF Atletico di nuovo 1° grazie (anche) alla rimonta del Trastevere

L'undici di Scudieri dilaga a Tortolì: Trastevere, autore di un'impresa al "Manlio Scopigno". Da 3-0 a 3-3!

349
349
TORTOLI'-SFF ATLETICO

Lo Sporting Fiumicino Fregene Atletico è di nuovo in vetta. La formazione di Raffaele Scudieri in 5 giorni segna 10 gol raccogliendo il massimo, dimostrazione di una gestione del potenziale collettivo davvero da applausi. Dopo il 5-1 inflitto nel turno infrasettimanale all’Ostiamare, la prima squadra del presidente Davide Ciaccia si ripete questa volta in trasferta vincendo per 5-0 in quel di Tortolì. Dopo una prima frazione chiusa avanti di una rete, siglata da Tornatore al 9’, nella ripresa la capolista si scatena e dilaga :al 4’ è ancora Tornatore ad andare a segno. Passano un paio di minuti e Rocchi mette al sicuro un risultato mai in discussione per il gioco espresso. Sarà poi Tortolano al 16’ e al 44’, a rendere più netta la sconfitta alla matricola isolana.
Incredibile quello che è successo al “Manlio Scopigno” tra Rieti e Trastevere, con una dimostrazione di carattere da applausi della formazione capitolina. Primo tempo di marca locale con i ragazzi di Carmine Parlato avanti per 3-0 con le reti di Marcheggiani, Tiraferri e Scotto. La ripresa è stata tutta un’altra musica con la formazione cara a”patron” Betturri capace di rimontare fino al 3-3 finale con le reti di Cardillo a metà tempo, e alla personale doppietta di Marco Neri. L’ex giocatore della Lupa Roma è andato in gol al 41’ e al 50’, tra la gioia dei sostenitori romani e un misto tra il “dolore sportivo” e un moto di stima di quelli sabini. E’ il primo, grande acuto del Trastevere, quest’anno, e assume un triplice significato, alla luce della recente sconfitta casalinga con il Monterosi, in primis. Per come è arrivato questo punto, e per il valore assoluto della compagine reatina.
Del pari del Trastevere, il primo stagionale, ne approfitta l’Albalonga, che si porta (insieme al Cassino) sul terzo gradino del podio; i bianco-azzurri castellani di Marco Mariotti hanno espugnato Carbognano superando per 2-1 il Flaminia con le reti di Corsetti e Sabatini. Le quali sono state intervallate dal momentaneo pari della formazione falisca siglato da De Cristofaro.
Sul terzo gradino del podio troviamo anche il Cassino, probabilmente una delle compagini più in forma del momento: la pattuglia allenata da Corrado Urbano al “Gino Salveti” s’impone su un Anzio che vede la sua classifica farsi preoccupante:la partita è terminata tra le polemiche per l’assegnazione di un calcio di rigore ai giocatori di casa nei minuti finali, che ha deciso di fatto la partita. Gol di Tribelli al 25′, parziale pareggio di Papa al 54′. Pintori trasforma la discussa massima punizione all’84’. E Anzio che torna a casa imbufalito.

L’Aprilia sale a 17 punti e sorpassa l’Ostiamare ferma a 15 dopo il rinvio della gara con il Lanusei per maltempo: le “rondinelle” di Mauro Venturi hanno violato il “Domenico Francioni” di Latina in virtù delle reti siglate entrambe nei primi minuti (2’ e 8’) da Casimirri, oltre a una sfortunata autorete del portiere Bortolameotti. Tutto ciò ha vanificato il gol di De Francesco al 70’.
Si ferma il Monterosi di Carlo Perrone, dopo 4 risultati utili di fila. Il Budoni di mister Raffaele Cerbone è andato in gol con Odianose alla mezz’ora, e Sartor poco dopo il 60′; senza Pippi, assente, la compagine laziale segna con  Crescenzo al 73’, il punto che dava nuova linfa alle speranze di rimonta. Che non sarebbe arrivata
Il derby sardo tra Latte Dolce e San Teodoro ha visto trionfare i calciatori sassarese, che si sono imposti per 4-2 sul fanalino di coda del girone: al 32’ bianco-viola avanti con una splendida punizione di Raimo. I calciatori di Max Paba pareggiano al 40’ con Contu e ribaltano il risultato ad inizio ripresa con Palmas. Al 69’ pareggio di Regis, poi tra il 76’, Usai, e l’87’, Congiu,  siglano le reti per un’importante vittoria, che porta il Latte Dolce a 11 punti in compagnia della Nuorese. I verde-azzurri sono stati fermati sul risultato di partenza tra le mura amiche dalla Lupa Roma.

In this article

Lascia un commento