Allungo in vetta del Rieti

Cinquina della formazione di Parlato alla Nuorese: pari esterno dell'Atletico. Aumentare il vantaggio a +3

40
40
Il centravanti Francesco Marcheggiani: con 13 gol sospinge il Rieti sempre più in alto

Il Rieti prova ad andare via

Allungo in vetta del Rieti che al “Manlio Scopigno” supera nettamente la Nuorese per 5-1. Le reti amaranto-azzurre portano le firme di Marcheggiani, autore di una doppietta, Luciani, Cuffa e Tirelli, mentre per gli isolani il gol della bandiera è opera di Mancosu. Il gioco espresso in questa prima parte di campionato dai calciatori di Parlato ne fa la migliore antagonista dello Sporting Fiumicino Fregene Atletico, che ha vissuto una domenica negativa a Carbognano, sul campo del Flaminia, prossimo al ritorno per le partite interne al “Turiddu Madami” di Civitacastellana. Eppure la compagine di Raffaele Scudieri era già avanti al 4′ con un gol di Nanni. La reazione della squadra falisca non si è fatta attendere più del lecito, e il gol del pareggio è giunto all’altezza del 34′ con De Costanzo. Ora i punti di vantaggio del Rieti sull’Atletico sono 3.
Sul terzo gradino del podio la coppia Albalonga-Trastevere: i bianco-azzurri castellani di Marco Mariotti s’impongono sul fanalino di coda San Teodoro con un netto 5-0 scaturito dalle reti di Paolacci, Sabatini, Nohman, Falasca e Barone. Questo successo dà la possibilità a Paolacci e compagni di raggiungere in classifica il Trastevere, fermato sul pareggio al “Gino Salveti” di Cassino. Padroni di casa avanti nei primi minuti con Ricamati e capitolini salvati da un rigore di Lo Russo al 43′; ma anche capace di andare vicini al vantaggio prima del riposo con Cotini che costringeva alla prodezza Della Pietra. Finisce in parità.
Occasione persa dal Latina per avvicinarsi ulteriormente alle posizioni importanti della classifica: la compagine del capoluogo pontino non va oltre il pareggio interno con il Lanusei. I calciatori di Gianluca Hervatin passano al 10′ con Bonu, subiscono il pari e il sorpasso dell’undici di Andrea Chiappini al 37′ con Rabbeni e al 39′ con Iadaresta; per poi pareggiare definitivamente con Floris poco prima dello scoccare della mezz’ora della ripresa. Per i nero-azzurri un mezzo passo falso che potrebbe costare caro, nella scalata verso il vertice; per i “tricolori” sardi un punto prezioso per rimpinguare una classifica ancora complicata.
Aprilia e Lupa Roma sono a quota 21 in classifica: le “rondinelle” di Mauro Venturi pareggiano in quel di Sassari al cospetto dell’ostico Latte Dolce di Massimiliano Paba. Laziali in rete in apertura (7′) con Bosi e pareggio isolano che arriva con Ruiu circa 20 minuti dopo; il Latte Dolce sfiora il vantaggio con Congiu poco prima dell’intervallo. Ma non ci saranno ulteriori variazioni.
Vittoria esterna per la Lupa Roma che con una rete di Milani, poco prima del 45′, espugna Budoni; tre punti preziosi per la compagine di Sgarra, su un campo notoriamente difficile.
Pesante sconfitta dell’Anzio a Tortolì per 3-0. Un risultato negativo sia per il punteggio in sé, sia perchè arrivato al cospetto di una diretta concorrente per la salvezza come l’undici di Francesco Loi. La squadra sarda è andata in rete con Spinola, autore di una personale doppietta, e Nieddu. E queste tre marcature le hanno consentito di operare il sorpasso in graduatoria proprio ai danni degli albi-celesti anziati.
L’unico 0-0 della giornata è quella dello stadio “Anco Marzio” tra Ostiamare e Monterosi. Un pari che non serve a nessuna delle contendenti, che restano in una posizione anonima di centro classifica. Anche se dall’ottica dei bianco-rosso-neri del presidente Luciano Capponi un pareggio in casa di una squadra da prendere con le molle è sempre da leggere positivamente. Quale Monterosi rivedremo, dopo l’imminente campagna-trasferimenti?

In this article

Lascia un commento