Nuova Florida penalizzata di un punto: Città di Anagni a +2

231
231
Nuova Florida

Nuova Florida penalizzata di un punto

Città di Anagni avanti di due

E ora, la Procura Federale e la Giustizia Sportiva

quanto tempo impiegheranno?

L’avevamo annunciata da qualche tempo. E’ arrivata, puntuale, attesa, al sentenza sul “Caso Lauri”, il ragazzo che, tesserato lo scorso anno per la Nuova Florida, era andato a cercare, una volta svincolato, fortuna altrove. Il problema è che quando il giovanotto è tornato alla corte del presidente Franco Marcucci, non è stato tesserato di nuovo. In più la società ha fatto ricorso per la partita interna giocata con il Città di Anagni e, sul campo, finita 0-0. Come ha detto al nostro sito non molto tempo proprio Marcucci “il ricorso ce lo siamo fatto da soli, in buona sostanza”. E in effetti è così. Infatti per la posizione irregolare del giovane calciatore, la Nuova Florida ha visto tolto il punto acquisito sul campo, con il conseguente aumento di altre due lunghezze al Città di Anagni. Il tutto accompagnato dalla canonica squalifica del dirigente accompagnatore, nella fattispecie Fabio Celli, e dalla sanzione di ben 500 €.

Ma non è finita qui perché ora le gare in oggetto giocate da Federico Lauri sono state anche altre, prima del suo nuovo tesseramento, avvenuto, finalmente, l’11 di novembre: a parte quella con l’Almas, comunque persa con i bianco verdi romani, e che quindi non presenterà ulteriori controindicazioni, ci sono state, infatti, quelle con Insieme Ausonia e Pomezia. Che sul campo hanno perso, contro la squadra di Andrea Bussone, capace di totalizzare ben 6 punti. Ora tutta la documentazione finisce sul tavolo della Procura Federale che avvierà, se ritiene opportuno, ulteriori indagini con la richiesta di altre probabili sanzioni, una volta ascoltata la difesa del club di Ardea. Che intanto vede la prima squadra retrocessa a 37 punti, con il Città di Anagni che ha ripreso il Latina Scalo Sermoneta a 34, in seconda posizione.

E ora, quanto tempo ci vorrà – Quello che si tanno chiedendo le diverse contendenti per i due posti che possono portare in Serie D è questo: quanto tempo impiegheranno, Procura Federale e Giustizia Sportiva, prima di dare almeno la prima interpretazione giurisprudente, a questo caso? Ci sono da giocare 16 giornate, di qui alla fine della stagione regolare. E le dirette interessate non vorrebbero vivere quanto accadde, per esempio, nel 2009-2010, quando la sentenza arrivò appena prima di quel famoso mercoledì in cui vennero giocate Virtus Latina-Pisoniano (finita 3-0) e la gara interna del Fondi, vinta con le due realtà pontine che vennero promosse tra le tante e in parte giustificate polemiche dei verdeazzurri empolitani, peraltro aggrediti appena il pullman entrò al “Domenico Francioni”. Poi il campo parlò chiaro. Ma è ovvio, che per il rispetto che si deve a chi investe nel Calcio Dilettante, i tempi vadano monitorati e resi celeri. Se è vero che conta la base, come ci ha insegnato la recente storia della FIGC.

Di seguito il link sul quale potete leggere il comunicato: tutto è collocato nella V pagina.

http://lazio.lnd.it/wp-content/uploads/2018/01/232_10_01_2018_segr.pdf

In this article

Lascia un commento