Giochi riaperti in vetta

L'Albalonga fa suo lo scontro diretto e riapre i giochi per la serie C. Torna a vincere lo SFF Atletico che ne fa 7 alla Nuorese

132
132
Chieri-Albalonga 20-05-2017 Finale Coppa Italia Serie D

Campionato riaperto ufficialmente dopo il successo dell’Albalonga nella sfida al vertice con il Rieti.
Le reti, nella ripresa, di Nohman e Sabatini, condannano la capolista alla seconda sconfitta stagionale che ora vanta solo 3 punti di vantaggio sulla più immediata inseguitrice che è proprio la compagine di Marco Mariotti.
Torna al successo anche lo SFF Atletico, terza forza del campionato che, a via Fertilia si è imposto con un roboante 7-0 ai danni di una Nuorese sempre più in difficoltà; grande protagonista della gara dell’”Aristide Paglialunga” è stato Tornatore autore di un personale “poker” con le altre reti messe a segno da Nanni in occasione dell’ 1-0, da Tortolano che al 67’ siglava la rete del definitivo 7-0 mentre il 4-0 momentaneo è stato opera di una sfortunata autorete di Cissè.
Al quarto posto il Trastevere che sale a 41 punti dopo il successo di misura in quel di Anzio; è bastata una rete di Lo Russo ai romani di “patron” Betturri per portare via i 3 punti dal “Massimo Bruschini”.
Vittoria esterna del Latina in quel di Tortolì e quinto posto in solitudine per i pontini di Carlo Pascucci che s’impongono per 3-1; le reti tutte nella ripresa: al 57’ Cittadino per il vantaggio nero-azzurro, al 74’ Palazzo per il raddoppio, all’85’ Cocco riapre i giochi ma a un minuto dal 90’ Iadaresta rimette al sicuro il risultato.
Male Cassino e Ostia Mare, così così l’Aprilia.
La compagine di Corrado Urbano subisce al “Vanni Sanna” di Sassari, al cospetto del Latte Dolce, la quarta sconfitta consecutiva in trasferta scaturita dalle reti di Prisco e Cabeccia, reti intervallate dal momentaneo pareggio di De Martis.
Come il Cassino anche l’Ostia Mare perde in una gara giocata di sabato; infatti i bianco-viola escono sconfitti dal terreno di gioco del Flaminia che ottiene 3 punti di grande importanza in chiave permanenza in categoria; le reti locali sono state siglate da Tiozzo e Laurenti mentre il momentaneo pari lidense è opera di Roberti.
Non va oltre al risultato ad occhiali l’Aprilia di Mauro Venturi al “Quinto Ricci” davanti le rondinelle avevano una formazione ostica come il Monterosi che presentava in panchina il nuovo allenatore Marco Savini ex tecnico della primavera della Salernitana; la compagine del presidente Luciano Capponi ha avuto anche l’occasione di portare via l’intera posta con un rigore sbagliato al 27’ da Cicino.
Vince la Lupa Roma che sale a 30 punti e mantiene accesa la flebile fiammella della speranza di agganciare la quinta posizione distante 9 lunghezze; la formazione romana supera per 3-1 un Lanusei in grossa difficoltà in graduatoria nonostante la vittoria della settima scorsa con la terza forza del girone.
Varela al 63’ regala al San Teodoro 3 punti di platino; la formazione di Carlo Sanchez supera così di misura il Budoni e lascia l’ultimo posto all’Anzio raggiungendo l penultimo posto il Lanusei.

Foto da www.sportpeople.net

In this article

Lascia un commento