Nuova Florida divertirsi e vincere: le altre pareggiano

83
83
AUDACE POMEZIA PRIMO GOL CHITI AL 6'

Nuova Florida divertirsi e vincere

Due scatti: uno per l’Insieme Ausonia l’altro per le inseguitrici

La Nuova Florida vince per 4-2 con l’orgoglioso Insieme Ausonia e guadagna su tutte le aspiranti grandi e anche aspiranti inseguitrici. Il verdetto del campo racconta di due reti segnate da Tisei, tutte e due su calcio di rigore, prima che, a inizio ripresa, Gioia Junior segni due gol in poco tempo. Ci penseranno Visconti e (86’) Troccoli, a riportare una situazione di doppio vantaggio, ai destini dell’undici di Franco Marcucci e Andrea Bussone. Un successo che conta, e tanto, per il morale, in attesa del prossimo confronto diretto, dell’autostima, e del messaggio da lanciare a chi si attarda. Come il Città di Anagni, che non va oltre lo 0-0 nel derby di Morolo; o il Pomezia, che è ripreso sul 2-2 con sentimenti contrastanti, al termine dell’incontro dello stadio “Le Rose” di Genazzano. Infatti se da una parte l’eurogol del secondo pareggio di giornata arriva nel finale, per i rosso-blù pontini di Paolo D’Este, il che lascia l’amaro in bocca, a convincere, nel primo tempo per le occasioni costruiti e per il gioco mostrato, e per come ha saputo inseguire e raggiungere l’avversario, è stata di sicuro l’Audace, rispetto alla formazione ospite. Al 6’ un gol da far spellare le mani ai presenti lo segna Chiti, tornato da poco alla corte di Marco Guidi e Gianni Mastropietro. Pareggia subito Laurato, e sorpasso al 37’ di Scacchetti. Nel bailamme di tanta pressione ci stava per scappare anche il terzo gol, più avanti, che non arriva per poco. Il premio per l’Audace del giocatore-allenatore Daniele Greco, all’andata del gol più bello di tutto il campionato, arriverà all’89’, per merito di Tassoni. Applausi al fischio finale, da parte del pubblico intervenuto!

Insomma un turno favorevole alla Nuova Florida, che guadagna su tutte le menzionate realtà, persino di più nei confronti del Latina Scalo, superato, con preoccupanti proporzioni, a Roccasecca, dove, addirittura, è battuto per tre reti a zero. Forse neanche i più tenaci sostenitori ciociari, avrebbero creduto, di sabato, visitando un santuario del posto, in tanta grazia. Hanno segnato Zonfrilli nel primo tempo poi, strada facendo, due volte Lombardi, in gol al 70’ e all’85’. E, curiosità, anche l’altro fanalino di coda, oggi, ha vinto, concedendo ossigeno alla propria anemica classifica; infatti allo stadio “Andrea Caslini” il Colleferro ha superato per 3-2 un mediocre Serpentara Bellegra Olevano, che già in diverse occasioni lasciava dubbi, se fosse carne o pesce, in questo suo anonimo (o quasi) torneo.

Il Play Eur tenta di impreziosire il suo torneo andando a vincere al “Delio Chimenti” per 2-1 coi gol di Toscano e Vecchiotti prima di incassare negli ultimi minuti il gol della bandiera della Virtus Nettuno: la squadra romana tenta ora, di aggregarsi al treno dei sogni.

Il resto del torneo ha detto di un’Almas finalmente concreta, 4-1 alla Cavese, di un Formia mai domo, che ha ripreso sul 3-3 il Casal Barriera, e di uno 0-0 di sufficiente utilità all’Arce ottenuto a Montespaccato. Nel caso delle 6 reti segnate da rimarcare l’andamento della gara: al 3’ gol di Costantini e al 31’ raddoppio esterno di Costantini. In apertura di ripresa colpo di reni formiano con Tozzo, e i giocatori di casa pareggiano con Ruggiero al 20’. I romani di Pietralata avevano segnato il parziale 2-3 a pochi minuti dalla fine e al 92’ è stato Petronzio a dare un punto “pesante” alla prima squadra tirrenica.

In this article

Lascia un commento