Albalonga a un passo dalla vetta: al Paglialunga finisce 1-1 Atletico-Rieti

La capolista Rieti raggiunta nel finale a Fregene ne approfitta la compagine di Mariotti vincitrice di misura sul Cassino

339
339
Chieri-Albalonga 20-05-2017 Finale Coppa Italia Serie D

Albalonga dalla ruota del “Paglialunga”

esce il pareggio sperato (1-1) tra Rieti e Atletico

Domenica nera, per il Trastevere: 0-3 al “Francesca Gianni”

Adesso la capolista sente sul collo il fiato della più diretta inseguitrice, che si trova a una sola lunghezza di distanza in graduatoria. Il Rieti infatti, è fermato sul risultato di parità, all'”Aristide Paglialunga” di Fregene termina 1-1 il big-match della 24° giornata tra l’Atletico di Raffaele Scudieri e gli amaranto-celesti di Carmine Parlato. Al 28′ della ripresa la capolista passa con Biondi, bravo a saltare di testa su un calcio d’angolo dalla sinistra, e a mandare la palla a baciare il palo alla sinistra di Nota, e quindi in rete. Ma i calciatori tirrenici non mollano fino alla fine e nel finale trovano il pari con Nanni su rigore, concesso per una spinta ai danni di Pippi, fino a quel momento la bruttissima copia di sé stesso, tra i falli commessi in attacco, gli improbabili controlli di palla provati, e i sei fuorigioco soltanto nel secondo tempo. La prima frazione aveva visto la compagine di Fregene e Fiumicino provare più volte, con insistenza, la via della rete, con diverse situazioni costruite, tuttavia prive di quel passaggio di rifinitura che potesse seriamente impensierire Scaramozzino, valido portiere del Rieti primo della classe. I primi 20′ avevano visto le squadre corte non concedere spazi alla quotata avversaria di turno. Poi nel secondo tempo il Rieti ha tentato tre volte dalla media distanza, due volte sull’esterno della rete, una con una bella respinta di Nota. Con una sola replica palpabile. Quindi i due episodi che hanno sbloccato la parità, a cavallo dei quali Scaramozzino ha fermato due volte alla grande Nanni e i suoi compagni di squadra.
Del pari reatino ne approfitta la bella Albalonga di questa stagione. I calicatori castellani di Marco Mariotti superano al “Pio XII” il Cassino con una rete di Barone, segnata subito, che permette alla formazione di Bruno Camerini di portarsi a un solo punto dal vertice della classifica.

Quasi tutte quelle che vorrebbero correre appresso a Albalonga, Atletico e Rieti hanno steccato, a cominciare dal gran primo tempo della Lupa Roma, che batte per 3-0 il Trastevere, andando avanti già nella prima frazione di gara, in rete con Andini. Il risultato verrà rimpinguato nella ripresa con Svidercoschi e soprattutto con Campelli che nel finale, dagli 11 metri, metterà il sigillo sulla vittoria. Preziosa per la classifica e per il morale con il portiere Lazzari che sullo 0-0 ha fermato almeno tre palle-gol facendo altrettanto a risultato mutato. Grande stagione, per il giovane numero 1 della Lupa Roma.
Della sconfitta dei romani di Pierluigi Betturri solo in parte trae beneficio il Latina, che spererebbe di avvicinarsi al quarto posto. I nero-azzurri di Carlo Pascucci non vanno oltre al risultato di parità (2-2) al “Turiddu Madami” di Civitacastellana al cospetto di un Flaminia in cerca di punti-salvezza; è Palazzo con una personale doppietta a replicare alle due reti di Ingretolli. I falisci di Pierluigi Vigna perdono terreno rispetto alla terz’ultima Tortolì, vincitrice in quel di Sassari sul Latte Dolce.
Dopo 3 giornate di digiuno torna alla vittoria l’Aprilia che, al “Quinto Ricci” s’impone per 3-2 sul Budoni con Bosi decisivo nel finale. Ma non è stata un’impresa semplice, per le “rondinelle”. Pareggio esterno dell’Ostiamare che esce con il risultato di 1-1 da San Teodoro; i bianco-malva di Alfonso Greco con questo pareggio si allontanano ulteriormente dalla zona play off metre gli isolani fanno un piccolo passso verso una salvezza che sembra ancora difficile.
Chi invece fa un passo serio verso una possibile conferma in categoria è il Lanusei; i giocatori tricolori sconfiggono e mettono nei guai il Monterosi, sconfitto al “Lixius” per 2-1 con le reti di De Montis nel finale di primo tempo e di Papini, a segno poco dopo la metà della ripresa. Nel finale Costantini renderà meno amara la sconfitta dei ragazzi di “patron” Luciano Capponi.
Il pari interno, senza reti, dell’Anzio con la Nuorese, lascia i ragazzi del presidente Rizzaro all’ultimo posto e i barbaricini in piena zona play-out. Un risultato che non cambia i problemi di entrambe le realtà.

In this article

Lascia un commento