Ladispoli: Grazie ma l’U.S. non è in vendita

Una mail dell'elemento che avrebbe portato Civitavecchia tra i professionisti ha trovato subito una pronta risposta

349
349
Ladispoli Paris

Ladispoli il presidente Umberto Paris declina l’invito alla cessione della società neopromossa in Serie D

Il patron dell’Unione Sportiva Ladispoli, Umberto Paris, ha risposto 

ad Alessio Sundas, affermando : “La società non è in vendita”

 

L’Unione Sportiva Ladispoli, nella persona del suo presidente, Umberto Paris, a seguito della richiesta di incontro formulata in data odierna a mezzo e-mail dal Sig. Alessio Sundas, dichiara che declina l’invito, e ribadisce che la società non è in vendita.

La prima squadra del Ladispoli, dopo il duplice play-off contro il Villafranca Veronese, è tornata a rappresentare il Lazio oltre i confini della regione: 2-2 alle porta della città scaligera, 1-1 in casa, davanti a una meravigliosa cornice di pubblico. Il che, passata la notte dei festeggiamenti e il giorno utile a un recupero fisico e nervoso dei dirigenti, più che dei calciatori, ha responsabilizzato i vertici societari a pensare, d’immediato, alla prossima stagione. Da pianificare di corsa, per evitare di lasciare sul campo qualcosa d’intentato: infatti, oltre alla “D”, bisognerà costruire formazioni in grado di competere, nelle giovanili, a livello di tornei nazionali.

Il presidente Umberto Paris, inoltre, informa la tifoseria che si sta già lavorando attivamente per la prossima stagione che vedrà la formazione tirrenica rossoblù tornare a giocare in Serie D dopo ben tredici anni di assenza. E conta fortemente sul sostegno e sul supporto del tessuto imprenditoriale cittadino, al fine di continuare a scrivere bellissime pagine di sport negli anni futuri.

Immediata, dunque, la risposta del club ladispolano, al fine di far girare voci enigmatiche sull’immediato presente e sul futuro della società promossa, da domenica scorsa, nel quarto campionato di calcio italiano.

In this article

Lascia un commento