Tiri di rigore fatali al Tor di Quinto

Dopo aver chiuso in parità (2-2) minuti regolamentari e supplementari i campioni in carica cedono l'onore delle armi dagli 11 metri alla formazione toscana della Lastrigiana

48
48
porta romana

Tiri di rigore fatali al Tor di Quinto che cede, solo dagli 11 metri, alla formazione toscana della Lastrigiana, il titolo di Campione d’Italia Juniores dilettanti.
Nel primo tempo la formazione di Basili soffre,in fase offensiva trova difficoltà, Sornoza non riesce a trovare sbocchi, invischiato nella forte difesa avversaria.
La compagine di Andrea Pratesi è quadrata, ben messa in campo, difficile da affrontare e a metà prima frazione trova il vantaggio con una gran conclusione di Cordioli capace d’infilarsi all’angolino , imparabile per il pur bravo Carolis.
Appena passata la mezz’ora l’undici di via del Baiardo rischia, per ben 2 volte,di subire il colpo da k.o.: Del Pela manca l’appuntamento con la soddisfazione personale per il prodigioso intervento di Crolis bravo a rifugiarsi in angolo e sul conseguente corner,Mazzoni di testa non centra il bersaglio grosso.
Passato lo spavento i teverini di via del Baiardo riordinano le idee e, prima dell’intervallo sfiorano il pareggio con Russo che, ben servito da Libertini si vede deviare la conclusione da un difensore toscano.
Nella ripresa,al 10’il Tor di Quinto pareggia andando a segno con Sornoza che, con una splendida semi rovesciata supera Lapo Eletti portiere della Lastrigiana.
Al 36′ Del Pela fallisce la più comoda delle occasione calciando alle stelle da pochi passi un cross proveniente da sinistra da parte di Mazzoni.
Squadre come il Tor di Quinto in particolare non perdonano questi errori e sul cambio di fronte trovano la rete del vantaggio:punizione di Libertini in area per Muscuso che, seppur pressato, riesce a far arrivare la sfera sui piedi di Corsetti che calcia di prima intenzione siglando una splendida rete.
Quando la coppa sembra prendere di nuovo la strada per la capitale arriva come una doccia fredda la rete di Del Pela che rimanda il tutto ai tempi supplementari.
Nei 2 tempi supplementari succede poco o nulla e tutto è rimandato ai tiri di rigore.
Questa volta, a differenza di quanto accaduto nella finale per il titolo regionale ad Albano,i tiri di rigore sono fatali al sodalizio di “patron” Massimo Testa con l’errore decisivo di Pellegrini che trova dinanzi a se un immenso Lapo Eletti.

Foto da www.csportaromana.it

In this article

Lascia un commento