Vicovaro-Palestrina 1-1 emozioni e polemiche nel finale

Gli ospiti segnano nel recupero ma è polemica: il guardalinee sbandiera il fuorigioco. L'arbitro però annulla la decisione del collega e convalida la rete.

899
899
41371537_2106435166240890_4818267494324109312_n

Vicovaro l’amarezza di incassare una rete sotto lo striscione d’arrivo

VICOVARO-PALESTRINA 1-1

Vicovaro: Maiorani, D’Urbano, Cavuoto, Kante, Botti, Ianzi, Lillo (Di Fausto dal 65′), Maiorani (Colantoni dal 67′), Pangrazi (Neri dal 88′), Provaroni (Petrucci dal 65′), Neroni (Fenili dal 88′) A Disp: Calderari, Mantovani, Fabrizi, Finocchi. All.: Lillo

Palestrina: Marini G, Cristofari A, Petroni (Antinori dal 60′), Pontecorvi, Marini M, Rossi, Tajani, Cristofari G. (Mattogno dal 60′), Compagnone, Busto, Mariano (Cangiano dal 77′) A disp: Cannone, Formato, Bastianlli, De Oliveira. All.: Cangiani

Arbitro: Ferruzzi di Albano Laziale

Reti: 75′ Pangrazi (V), 95′ Compagnone (P).

Note: ammoniti Pangrazi, D’Urbano (V), Cristofari A, Rossi (P).

Vicovaro (Roma) – Bella partita a Vicovaro tra la formazione di casa e il Palestrina, che veniva dal convincente esordio vittorioso. L’equilibrio è stato il protagonista della gara e alla fine è stato giusto il pareggio, anche se condito da molte polemiche per il gol finale della squadra ospite.

Inizia meglio il Palestrina con due occasioni di Compagnone ed un gol annullato per fuorigioco al 4′. Interessante il duello tra i due attaccanti che vede protagonista nel Vicovaro Pangrazi. L’ex Guidonia (nella Serie D) è ispirato e prova al 7′ con un tiro alto. Proprio il numero 9 sbaglia un rigore al 16′. Il tiro in basso a destra trova la bella risposta di Gabriele Marini che poi para anche sulla ribattuta. Presunta gomitata di un difensore del Palestrina al 18′ e primi attimi di nervosismo in una partita corretta ma molto fisica. Al 36′ altra occasione per Compagnone che è marcato bene dalla retroguardia del Vicovaro e spesso è costretto a ricevere il pallone in zone di campo poco pericolose per un attaccante.

In generale il Palestrina gioca più di palleggio, mentre la squadra di casa corre di più e cerca di sfruttare qualche centimetro in più di altezza. Nel secondo tempo iniziano le sostituzioni e continua l’equilibrio perfetto del Match. Pangrazi lotta in attacco ma la sensazione è che rischi molto il secondo giallo per proteste e falli di mano. Al 69′ importante occasione per il palestrina con Mariano che scatta via alla difesa ma sciupa una buona chance. La partita si sblocca al 75′ con Pangrazi: l’attaccante si muove perfettamente sul filo del fuorigioco, riceve l’assist e batte Mariani.

Il Vicovaro guadagna fiducia dal vantaggio e si fa più pericoloso, nella fase della gara più delicata, dove poteva anche starci il 2-0. All’ 83′ NeronI si trova a tu per tu col portiere ma temporeggia eccessivamente ed è costretto a tirare fin troppo tardi, calciando alto. All’85’ altra buona occasione per la squadra di casa, su punizione, con Petrucci.

Nel finale succede di tutto. La partita, già iniziata leggermente in ritardo, si allunga per il robusto recupero (6 minuti), giustificato dai tanti cambi e dalle molte interruzioni. Al 95′ Compagnone riceve in aria ma il guardalinee sbandiera il fuorigioco. Sembrerebbe inutile il suo gol ma l’arbitro annulla la decisione del suo assistente e convalida la rete. Ovvie le polemiche del pubblico e dalla squadra di casa che viene beffata da una decisione possibile dal regolamento ma decisamente rara nel calcio. Si continua a giocare dopo altri 5 minuti di interruzione per le varie proteste . Non succede nulla di rilevante fino al 100′ e alla fine le squadre si dividono il bottino. Partita che comunque apre a belle aspettative. Il Vicovaro può dire la sua in questo campionato ed il Palestrina si conferma tra le favorite assolute.

 

Giulio Dionisi

In this article

Lascia un commento