E ora Valle del Tevere-Nuova Florida, con 4 punti di divario

Domenica prossima al "Comunale" le due realtà capaci di creare selezione. Real Monterotondo Scalo a 2 punti da un'Astrea in crisi

177
177

E ora Valle del Tevere-Nuova Florida, con 4 punti di divario

Ma la squadra di Bussone ha sofferto, e parecchio, il brio e la grinta del Villalba, ben al di là del 5-2 finale del “Mazzucchi”

 

E’ stato derby vero, ed è finito zero a zero, ma con palle-gol capaci di essere ricacciate dalla linea, come quella a pochi minuti dalla fine che Pascu ha tolto dai pressi del suo portiere, dopo un incontro che ha registrato una certa intraprendenza, da parte della capolista Valle del Tevere. Non era un incontro semplice, e questo ben lo sapeva, la formazione di Stefano Scaricamazza, che al termine della giornata odierna, ha reso due punti su tre, dei precedenti 6 totali, ora divenuti 4, alla più accreditata, tra le avversarie, la Nuova Florida, prossima ospite, al “Comunale” di Forano in Sabina. La stessa compagine fresca vincitrice della Coppa Italia ha avuto il suo bel da fare, ben oltre quanto racconti l’esagerato 5-2 imposto a un Villalba apprezzabile per oltre un’ora, prima di essere piegato, per la quarta volta singola, da un Massella in versione super, dopo essersi travestito da signor rifinitore, al “Tre Fontane”, mercoledì scorso, al cospetto della stimabile Cynthia capace di arrivare ai tiri di rigore, per la contesa del “trofeo alternativo”.

E oggi la risposta c’è stata anche da parte della squadra allenata da Fabio Panno, che è passata per 2 a 0 a Casal del Marmo coi gol di Uzoma e De Gennaro, entrambi segnati nella seconda frazione. Il che da una parte concede una dote vitale, per la bisognosa realtà castellana; dall’altra acuisce un momentaccio che dura da un mese, in casa dell’Astrea, con la squadra che ha risolto a suo favore soltanto al 96° la gara casalinga contro il modesto Ronciglione. Che, tra l’altro, oggi, a Campagnano – altro campo cambiato in corso d’opera (…) – ha impattato a reti bianche lo scontro diretto con l’Atletico Vescovio.

I dettagli di giornata – Al “Marco Mazzucchi” sobria e rapida festa per la Nuova Florida con un rapido giro di campo fatto da Danilo Pizi, direttore sportivo, vestito da mascotte. Gol di Massella dai 25 metri che entra sotto l’incrocio dei pali, pareggiato da Fagioli che aveva calciato una prima porta e un avversario

L’episodio che cambia l’esito della partita arriva al 28’: Tamburlani perde palla a centrocampo, Fagioli scappa via, arriva a tre metri da Andrea Giordani, bravissimo a chiudere la strada con il giocatore tiburtino giunto a 3 metri da lui. Sul suo rinvio la Nuova Florida parte in contrattacco, con un passaggio filtrante di un ottimo Pallocca per Marco Giordani, che con un tiro di interno piede (destro) batte Pagella per il 2 a 1. Al 6’ del secondo tempo il Villalba si getta in avanti e su calcio d’angolo Prioteasa anticipa per Scotto Di Clemente, che firma il secondo pareggio di giornata. La Nuova Florida accusa il colpo sia sul piano mentale che sul piano fisico, visto il prolungamento della finale di Coppa: la squadra di Diego Leone annusa il colpo della domenica. Ma al 22’ un’altra palla spedita a Massella, bravo a spostarsi sulla sinistra, e con un tiro mancino batte i riflessi di Pagella (3-2). Passa qualche altro minuto, al 30’, Massella è in giornata di grazia, e un suo tiro è intercettato con un braccio da un difensore, con l’arbitro che applica la medesima misura anzi espressa in favore del Villalba. Massella segna dal dischetto il 4-2. Entrava Rossi per Piro, con il giocatore subentrato voglioso di dare il suo apporto, con una velocità espressa in due circostanze. La seconda volta mette una gran palla per Massella, che in spaccata firma il 5 a 2 e la sua quaterna personale. L’ampiezza del risultato non rende abbastanza onore alla prova positiva della squadra di Pietro Scrocca, superata da un giocatore in giornata eccezionale. Evidente, che la seconda della classe abbia sofferto sul piano fisico e della tenuta nervosa, dopo aver giocato fino alla lotteria dei rigori per aggiudicarsi la Coppa Italia e provare a percorrerla nella sede nazionale.

Il Casal Barriera riesce a imporsi di misura sul campo dell’Almas, destinata al baratro, cogliendo una dote di rilevanza grazie alla rete di Zanzucchi, al secondo gol nel breve volgere di un mesetto. Con questo successo esterno la realtà di Pietralata si cava fuori dall’area rossa della graduatoria, piazzandosi a 25, a 4 lunghezze dal Montalto, battuto dal gol di Lupi, che concede al Real Monterotondo Scalo la chance di avvicinare a 2 punti l’Astrea, terza. Un gran segnale, per il collettivo del presidente Saccà e mister Centioni.

Il Civitavecchia sfodera una gran prestazione e manda in porta Vittorini per 4 volte e il solo Matteo non basta, nel 4-1 nero-azzurro imposto allo Sporting Genzano al “Luciano Iorio” di Nemi; e sono tre punti di grandissima speranza, per la “Vecchia”.

In this article

Lascia un commento