Lanusei, la proviamo a chiamare fuga?

626
626
Lanusei, la proviamo a chiamare fuga?

Vince il Lanusei e va in fuga. I calciatori ogliastrini guidati da Aldo Gardini superano per 3-2 il Flaminia Civitacastellana, e approfittano delle sconfitte di Latte Dolce e Trastevere, per portarsi rispettivamente a + 6 sui sassaresi di Udassi e a +7 sui romani di Perrotti, raggiunti sul terzo gradino del podio dall’Avellino.

I dettagli della giornata raccontano di un successo ottenuto solo al terzo minuto di recupero, per la capolista, che, va sotto al 5′ con Ferrara, pareggia al 18′ con Bernardotto, va in vantaggio allo scoccare dell’ora di gioco con Floris, subisce dopo un quarto d’ora la seconda rete personale di Ferrara. E ottiene tre punti di platino con Bosu, proprio sul filo di lana.

Cade il Latte Dolce, nel’anticipo di sabato allo stadio “Aristide Paglialunga” di Fregene al cospetto di uno Sporting Fiumicino Fregene Atletico orgoglioso e vincente per 4-3. Va detto che gli atleti di Sassari hanno segnato due volte soltanto al 90′ e al 93′ con la doppietta di Doukar. In precedenza i calciatori di Pierluigi Vigna sono stati avanti per 3-0 e 4-1, con i gol, nel primo periodo, di Tortolano e Nanni. E nella seconda frazione ancora con Tortolano, su calcio di rigore, e con D’Andrea, su azione, dopo che Bianchi aveva provato a far rientrare in gara i ragazzi del presidente Roberto Fresu.

Cade ancora il Trastevere, e questa volta avviene allo stadio “Domenico Francioni” di Latina contro l’undici pontino che ha avuto – come l’S.F.F. Atletico – una sana impennata di orgoglio. I ragazzi del tecnico Di Napoli si sino imposti per 2-1 sugli amaranto romani andando a segno con Fioretti, autore di una personale doppietta, prima che Cardillo, nella parte finale, riuscisse solo nell’intento di dimezzare lo svantaggio.

Vince l’Avellino al “Partenio Adriano Lombardi” per 2-1 in rimonta sul Monterosi. La compagine di mister Marco Mariotti passa per prima con Proia appena passata la mezz’ora; i lupi pareggiano a fine prima frazione con Mentana, e, all’inizio della ripresa, effettuano il sorpasso con Alfageme. Con questi tre punti la realtà di patron De Cesare resta aggrappata al sogno di ottenere per via diretta la Serie C.

Torna a sperare nei play-off il Cassino, con il Monterosi distante ora solo tre lunghezze: Marcheggiani e compagni espugnano il “Montefiore” di Rocca Priora superando per 4-1 una Lupa Roma ormai mestamente vicina alla retrocessione in Eccellenza. Questo nonostante l’impegno profuso da Marco Amelia e dalla sua giovane squadra. Nel primo tempo la formazione di Corrado Urbano va in rete con Tomassi e Tribelli, subisce il rientro della Lupa con il rigore di Ansini, ma rimette le cose in chiaro nella ripresa con Lombardi e Nocerino.

Buon esordio di Pino Selvaggio, sulla panchina dell’Aprilia. Le “Rondinelle”, infatti, sono uscite vittoriose per 3-0 dal “Massimo Bruschini” di Anzio con le reti di Corvia, autore di due gol, e Putti. Per l’undici del presidente Antonio Pezone resta la speranza di una difficile qualificazione agli spareggi di fine stagione. Per l’Anzio è arrivato il momento di pensare alla prossima stagione, chiudendo, magari, con orgoglio, e a testa alta quella attuale.

Resta un po’ indietro l’Albalonga, che si fa imporre il pari casalingo dalla Vis Artena dopo che era passata in vantaggio con un rigore di Barone al 10′ per poi farsi raggiungere, poco prima del riposo, da Persichini.

Nella zona calda della classifica brutta sconfitta per il Ladispoli, che cede tra le mura amiche all’Ostiamare in una sfida salvezza molto delicata: al 18′ Attili portava avanti i bianco-viola lidensi di Greco. Al 21′ Lisari impattava, per i rosso-blu padroni di casa, ma, nella ripresa Ferrari portava definitivamente in vantaggio l’Ostiamare. Una brutta scivolata, ai fini aritmetici, per la squadra nord-tirrenica, nel derby marino tra collettivi appartenenti al Lazio.

Tre punti di notevolissimo valore sono quelli che la Torres che al “Vanni Sanna” ottiene nel derby con il Budoni per 3-1 sorpassando l’undici di Cerbone in graduatoria. Gol di Spinola ad inizio gara, e raddoppio di Bianco, poco dopo l’ora di gioco, per la squadra sassarese di mister Marco Sanna. Rete di Pantano al 93′ per il Budoni, rimessa a posto, due minuti dopo, da Sarritzu, che ricostruiva il duplice vantaggio, a scanso di dubbi ed equivoci.

Pari tra Città di Anagni e Castiadas con gli isolani in rete con il solito Mesina, e i ragazzi di Manolo Liberati con Capuano, anche lui diverse volte a segno, nel corso della stagione. Tra gli ospiti ha esordito il neo-acquisto Mattia Perrotti, ex di turno, nonché figlio del tecnico del Trastevere.

Alessandro Natali

In this article

Lascia un commento