Sora 3 a 0 alla Cavese

I bianco-neri regolano la Cavese e proseguono in condominio col Pomezia

78
78

Sora prosegue il condominio con il Pomezia

nella domenica del secondo stop della Pro Calcio Tor Sapienza

Sora Calcio-Cavese 1919 3-0

Sora Calcio: Santoro, Serrao, Mamadou, Faiola, Casalese (41’st Brack), Bucciarelli, Pellino, Antonini (41’st La Rocca G.), Di Stefano (36’st Gigli), Cano (43’st La Rocca L.), Reali (34’st Cirelli). A disp.: Mazzella, Ferrari, Landolfi, Sarra. All. Tersigni.

Cavese 1919: Mastropietro, Pepe, Carruolo, Gennari (40’st Barbusca), Losi, Mastrogiovanni, Shainas, Giacchè (27’st Arcaleni), Ortiz (4’st Ronci), Gori, Taviani (43’st Bellistri). A disp.: Provaroni, Renzoni, Migliore, Altamura, Remia. All. Galvanin.

Arbitro: Iudicone di Formia.

Marcatori: 17’ Cano (rig.) 53′ Cano, 62’ Antonini.

Terza vittoria consecutiva del Sora Calcio, che batte 3-0 la Cavese 1919 nella 25esima giornata del campionato di Eccellenza, balzando al quarto posto in classifica, a-5 dalla vetta e a -3 dal secondo posto.

Dopo un inizio sonnacchioso il Sora sblocca il risultato al 17’ su calcio di rigore, concesso per un tocco di mano in area di un difensore ospite sulla conclusione da fuori area di Faiola. Dagli undici metri trasforma Cano, spiazzando il portiere. I ritmi restano bassi, con la Cavese che si vede solo al 39’ con un tiro improvviso di Gori che impegna Santoro. Sul successivo corner Mamadou salva sulla linea di porta.

Secondo tempo più vivace, con gli ospiti che sono subito pericolosi al 2’ minuto con Shainas, ma Santoro gli chiude lo specchio, respingendo la conclusione sul primo palo. All’8’ il raddoppio del Sora, ancora con Cano (che sale a quota 11 reti e dedica la doppietta al neonato nipotino Martin), che, servito da Reali sul filo del fuorigioco, trafigge il portiere in uscita con un sinistro angolato. All’11’ occasione per Reali, bloccato dal portiere Mastropietro. Al 17’ il tris bianconero con Antonini che finalizza una ripartenza su assist di Di Stefano. Al 26’ il Sora potrebbe fare poker, ma Di Stefano si fa respingere da Mastropietro il rigore concesso per un fallo dello stesso estremo difensore ospite su Cano. Al 44’ ultimo brivido con Mastropietro che respinge anche la conclusione del neo entrato Leonardo La Rocca.

In this article

Lascia un commento