Lanusei, fino alla fine, ancora una volta!

Gli ogliastrini di Aldo Gardini risolvono ancora una volta sul filo di lana

236
236

Lanusei, fino alla fine, ancora una volta!

 

Non finisce mai questo Lanusei, fino alla fine, di ricercare la vittoria: carattere, determinazione, forma psicofisica alle stelle, l’undici ogliastrino ancora una volta risolve una partita che sembrava farsi difficile, nel finale della stessa, contro un’altra realtà sarda, il Castiadas.

Manca Bernardotto, questa volta, nel tabellino alla voce reti, non entra; ci pensano allora De Montis (al 66′) e Ladu (al 93′), a togliere le castagne dal fuoco ad Aldo Gardini. Soprattutto perché Milani all’80’ aveva siglato il momentaneo pareggio per i padroni di casa. I calciatori in casacca verde e tricolore non si sono di certo abbattuti e persi d’animo, e hanno cercato il successo pieno, fino alla fine, anche per le notizie che giungevano, in quegli stessi istanti, da Roma e dintorni.

Resta invariato il vantaggio sulle inseguitrici Trastevere e Avellino, ancora a 10 lunghezze, con le dirette interessate che devono recuperare una partita a testa.

Soffrono più del lecito, i ragazzi cari a “patron” Pierluigi Betturri, per avere ragione di un orgoglioso Anzio che, sotto di due reti, quelle siglate da Renzi e Sfanò, ha trovato la forza di recuperare con Prandelli e Malerba, per poi capitolare definitivamente, per merito di Capodaglio su rigore in pieno recupero.

Vittoria esterna per gli irpini di Giovanni Bucaro allo stadio “Andrea Caslini” di Colleferro al cospetto di una Vis Artena che era riuscita anche a pareggiare con Origlia, al 73′ l’iniziale vantaggio di Nando Sforzini, per poi subire all’80’ il nuovo vantaggio bianco-verde di Ciotola.

Lo 0-0 di Cassino tra i locali e il Latte Dolce allontana definitivamente i sassaresi dalla possibilità di avvicinarsi alla vetta, e rallenta la corsa dei ragazzi di Corrado Urbano verso quel quinto posto che porterebbe ai play-off che darebbero colore a un’annata spesso grigia. In tale prospettiva registriamo la netta vittoria del Monterosi che si riappropria in modo solitario del già citato quinto posto con un punto di distanza dal quarto e a quattro dalla coppia impegnata in seconda posizione. L’undici di Marco Mariotti si è imposto sul Flaminia con un 3-0 che non lascio spazio a recriminazioni, scaturito dalle reti di Gabbianelli e Boldrini, con quest’ultimo, talentuoso atleta, autore di una personale doppietta.

Prosegue l’annataccia del Racing Aprila, fermato in casa dall’Atletico sull’1-1 dopo il vantaggio delle “rondinelle” siglato da Olivera al 73′: la risposta sopraggiunge, come un tornado al 95′, con il pari tirrenico messo in porta da Tornatore. Doppia beffa, per la formazione del presidente Antonio Pezone, che viene raggiunta a 51 punti dall’Albalonga, passata come un rullo compressore sul terreno di gioco del Budoni. I castellani di D’Adderio maramaldeggiano con i calciatori di Raffaele Cerbone grazie alle reti di Pippi, Corsetti , autori di 2 reti a testa e di Corsetti.

In chiave-salvezza importante successo dell’Ostiamare che al campo “Anco Marzio” ha avuto la meglio sul Città di Anagni con le reti di De Julis e Bertoldi con la seconda rete, quella della sicurezza, arrivata in pieno recupero. Il tutto dopo un primo tempo privo di grandi sussulti e assai scarno, di gioco e tiri verso le porte.

Vittoria esterna per il Latina al “Vanni Sanna” di Sassari su una Torres capace di portarsi in vantaggio con D’Alessandro, poco prima della mezzora. La rimonta pontina giunge nella seconda parte della ripresa con i gol di De Martino ed Energe.

Nell’anticipo di sabato pari al “Montefiore” di Roccapriora” tra Lupa Roma e Ladispoli con i tirrenici che hanno fallito tante occasioni, per portare via 3 punti fondamentali. Per la cronaca vantaggio del Ladispoli con Cardella su rigore (7′) e pari per i ragazzi di Marco Amelia con Ansini.

Alessandro Natali

In this article

Lascia un commento