Avellino campionato riaperto?

Il Lanusei pareggia nella tana della Vis Artena: 2-2. Adesso la formazione di Gardini deve difendersi dall'assalto biancoverde

270
270

Avellino campionato riaperto, a meno 5?

Il Lanusei pareggia nella tana della Vis Artena: 2-2

Adesso la formazione di Gardini deve difendersi dall’assalto biancoverde

 

Torna a battere forte il cuore dei tifosi irpini. Tornano a sperare i “lupi” di Giovanni Bucaro anche se la speranza è appesa a un filo. Ma c’è. Infatti vince la formazione irpina, con il più classico dei punteggi, al “Trastevere Stadium”, con una rete per tempo; punizione di Di Paolantonio con complicità di Caruso che, nel finale, si farà parzialmente perdonare respingendo un rigore di Sforzini. La seconda realizzazione del concreto Avellino è stata segnata da Gerbaudo. A quattro giornate dalla fine l’undici campano va a -5 dal Lanusei, fermato sul 2-2 allo stadio “Andrea Caslini” di Colleferro da una Vis Artena che, seppur tranquilla, non intende regalare nulla a nessuno, come ha visto lo Sporting Fiumicino Fregene Atletico, nettamente superato all’Aristide Paglialunga per 5-0.

I calciatori ogliastrini hanno forse pagato l’assenza di bomber Bernardotto ma, nonostante ciò, erano andati per due volte in vantaggio con Floris al 5′: in una prima occasione i ragazzi di Aldo Gardini erano raggiunti da Panella dopo neanche dieci minuti. I tricolori sardi sono tornati avanti con Quatrana allo scoccare dell’ora di gioco, e venivano ripresi dopo cinque minuti da un calcio di rigore segnato da Costantini.

Larga vittoria del Latte Dolce nel derby isolano con il pericolante Castiadas; i sassaresi di Stefano Udassi rafforzano la quarta posizione e insidiano la terza del Trastevere, dopo il 4-1 allo stadio “L’Annunziata” al cospetto della compagine di Rosolino “Lillo” Puccica. Botta e risposta nel primo tempo col vantaggio ospite al 3′ di Masala, e pari locale al 20′ di Mesina. Ma nella ripresa la squadra peggio messa in graduatoria va in rete in tre occasioni con Scognamillo, Palmas e ancora Masala, autore, dunque, di una doppietta.

Importantisssimo, se non decisivo in chiave play-off, successo del Monterosi al “Gino Salveti” di Cassino per 3-1; Nohman e Boldrini portano l’undici di Marco Mariotti sul 2-0. A inizio ripresa Marcheggiani illude i suoi su rigore ma pochi minuti dopo Gabbianelli, autore di un gran torneo, rimette due reti di distanza in favore dei ragazzi del presidente Luciano Capponi, che ora possono vantare due lunghezze di vantaggio proprio sulla squadra del presidente Nicandro Rossi.

Lo 0-0 del “Quinto Ricci” tra Aprilia e Flaminia conferma l’addio, quasi definitivo, delle “Rondinelle” ai sogni play-off mentre è un risultato che consente ai ragazzi di Marco Schenardi di vedere da vicino una salvezza diretta che sarebbe veramente meritato.

Sembra aver mai mollato l’Albalonga che, dopo la sconfitta interna con la Lupa Roma, che ha fatto arrabbiare, e non poco, il presidente Bruno Camerini e non solo, ha subìto un netto 3-0 al “Vanni Sanna” di Sassari per opera di una Torres che trova tre punti fondamentali per tenere accesa la speranza di una salvezza diretta non facile. Il collettivo isolano li ottiene grazie alle due reti di Sarritzu intervallate dal momentaneo 2-0 di Bianco. Di grande importanza il successo della Lupa Roma che vince per 2-1 su un Anzio matematicamente in Eccellenza andando in rete con Alonzi all’81’, Ansini all’87’, e subendo l’accorcio delle distanze al 91′ con Di Magno.

Il Ladispoli passa in vantaggio con Sganga al 13′ illudendo i propri sostenitori ma esce sconfitto per 4-2 dal “Domenico Francioni” di Latina. Infine pareggio in un modesto derby del litorale romano all’Anco Marzo tra Ostiamare e Atletico con i biancoviola avanti con De Julis (54′) e la tardiva replica dei cugini, siglata con il gol di Papaserio a pochi minuti dlla fine. In serata è arrivato il comunicato con le dimissioni di Vigna, già ipotizzate diverse settimane fa.

Termina senza reti Budoni-Città di Anagni.

Alessandro Natali

In this article

Lascia un commento