Compagnia Portuale consolidata la 2° piazza

130
130

Compagnia Portuale consolidata la 2° piazza

COMPAGNIA PORTUALE-CITTA’ DI CERVETERI 1-0

Compagnia Portuale: Pancotto, Funari, Gallo, Bevilacqua (65’ Serafini) Gimmelli, Serpieri, Tabarini, Le Rose, Spanò (65’ Treccarichi), Ruggiero (85’ Lancioni), De Logu (60′ Feuli). A disp. Nunziata, Poggi, Converso, Lava, Metta All. Paolo Caputo.

Città di Cerveteri: Sanfilippo, Roscioli, Altamura, (85’ Barone) Di Pietro, (65’ Toppi) Attardo, Castelletti, Paraschiv, Filangeri (65’ Vignaroli), Teti, Bacchi (75’ D’Amelio), Angelucci. A disp Troiani, Paris, Santucci, D’Amelio, Franzellitti, Di Fiandra. All. M. Zeoli.

Arbitro: Papagno di Roma 2.

Rete: 61′ autorete Altamura.

Note:Ammoniti Filangeri, Serpieri, Funari.

Tre punti ottenuti col minimo scarto, un uno a zero finale frutto di un autogol. La Compagnia Portuale gioca una gara all’attacco, crea ma rischia veramente poco in fase difensiva. Il Cerveteri gioca di rimessa e tiene bene il campo, andando, nel finale, vicino al pari con Teti. Prevale la maggiore voglia dei tre punti da parte della seconda in classifica, ottenuta fortunosamente ma figlia di un predominio nel gioco e nelle occasioni avute.
Per la Compagnia Portuale i riflettori di quest’oggi sono sul sintex del Tamagnini; da affrontare c’è il Città di Cerveteri per mantenere la seconda posizione. Servono i tre punti. Di fronte a mister Caputo la temibile compagine diretta da Zeoli: fino ad oggi una vittoria a testa,  nei tre incontri giocati fino ad ora. La Compagnia Portuale scende in campo con gli stessi undici di Vignanello; l’unica variante è il ritorno di Lancioni tra i convocati dopo un mese di assenza.

Partita vibrante con le squadre che si equivalgono sul terreno di gioco: gestisce la compagine portuale, ma il Cerveteri non disprezza di presentarsi dalle parti di Pancotto. Poche le occasioni da far sussultare sugli spalti. Al 20° da una parte Bacchi e dall’altra Tabarini, vanno pericolosamente al tiro. Nulla di che, i portieri guardano la sfera sfilare di poco fuori. Ruggiero poco dopo  costringe Sanfilippo alla parata, la palla è deviata a lato. La gara si trascina nel mezzo del campo, poi due lampi prima della fine. Paraschiv in contropiede perde l’attimo propizio all’ultimo istante, Gallo effettua un cross pericoloso che Sanfilippo devia fuori. Ruggiero chiude il primo periodo di gioco con un tiro dalla distanza che si stampa sulla traversa. 0 a 0 che, per quanto visto sul campo, è il risultato più giusto.

Seconda frazione al piccolo trotto. La Compagnia Portuale amministra il gioco e ha con capitan Bevilacqua la prima occasione che vede il cuoio finire a lato.  Il Cerveteri è protagonista, regge la pressione senza offrire però il fianco. La gara si sblocca al 15° quando passa la CPC:  cross di Gallo con Altamura che per respingere beffa il proprio portiere, Sanfilippo. La palla si infila nel “sette” in maniera imparabile. Chi si aspetta un forcing per cercare il pari o altre folate offensive portuali utili a cercare il raddoppio rimane deluso. Sarabanda di cambi intorno al 20′ poi Paraschiv, direttamente su calcio di punizione, impegna severamente Pancotto. Gallo conclude alto quindi Ruggiero, sugli sviluppi di un contropiede lanciato da Serafini, impegna Sanfilippo.

Il Cerveteri non costruisce più nulla, sembra aver tirato i remi in barca, ma non sarà così. Serve un super Pancotto per deviare la staffilata di Teti (40′). Finisce 1-0, vince pure la Corneto e la distanza dalla prima rimane invariata.

Maurizio Spreghini

In this article

Lascia un commento