Pro Calcio Tor Sapienza le parole di Le Rose

279
279

Pro Calcio Tor Sapienza le parole di Le Rose

 

Non ha avuto dubbi Ludovico Le Rose. Appena giunta l’offerta della Pro Calcio Tor Sapienza l’ha accettata senza indugiare o chiedere tempo, diventando così il primo acquisto della Serie D 2019/2020 gialloverde,  considerando che Cannizzo è tornato per fine prestito.

Dopo l’accordo raggiunto, Ludovico Le Rose è entusiasta: «Non è una cosa che capiti tutti i giorni, fare un doppio salto di categoria; mi sono sentito onorato della fiducia della società e quindi credo che le mie prime parole debbano essere per la dirigenza e per il mister, che hanno creduto in me».

Per De Rose sarà il primo anno in Serie D dopo alcuni anni positivi in Eccellenza – soprattutto con il Fregene, dove ha disputato due ottimi campionati fra il 2015 e il 2017 –, e gli ultimi mesi in Promozione con la Compagnia Portuale Civitavecchia, con cui ha vinto la coppa di categoria.

Le Rose racconta alcuni particolari inediti: «Arrivo in Serie D con qualche mese di ritardo, visto che dovevo andare alla Lupa Roma, a dicembre scorso. Poi non si fece più nulla e andai alla CPC: una scelta vincente: a Civitavecchia ho passato mesi stupendi in un grande gruppo vincendo la Coppa Italia. Sono felice di aver vinto lì e ne approfitto anche per ringraziare la CPC, per il bellissimo trattamento che ho ricevuto: è stata una grande esperienza».

Il futuro sarà però a tinte gialloverdi. Le Rose prosegue: «Per me arrivare qui è un punto di partenza, sono un ragazzo ambizioso e per me il calcio è un grande opportunità. Vengo qui con tanta determinazione, entusiasmo, ma soprattutto un grande rispetto per questa società ed il senso di appartenenza che trasmette. Voglio ripagare la fiducia della società, non prometto nulla se non di essere serio e di lavorare ogni giorno per questa maglia».

Le Rose-Tor Sapienza, il regista è già carico per la prossima stagione di Serie D: «Penso che negli ultimi anni ho ricevuto poco dal Calcio, rispetto a quanto meritassi. Ma non mi sono mai buttato giù, mi sono rimesso in gioco ed ora ho questa grande opportunità, che penso di essermi guadagnato sul campo. Sono orgoglioso di essere qui e non vedo davvero l’ora di iniziare».

In this article

Lascia un commento