Flaminia, l’arrivo di Michele Boldrini

120
120

Flaminia l’arrivo di Michele Boldrini

Si sta componendo il centrocampo rossoblu

 

Un nuovo arrivo e due conferme in casa della Flaminia calcio Civita Castellana. E’ stato tesserato il trequartista, Michele Boldrini. Perugino classe ’85, sino a pochi giorni fa era in forza al Monterosi, dove nella passata stagione ha collezionato quattordici presenze e  realizzato sei reti.

Ottimo palleggiatore e abile nel servire assist ai compagni: il neo-trequartista della formazione allenata da Francesco Punzi vanta una lunga esperienza in Serie C con le maglie di Pisa – dove ha vinto il campionato di  serie C -, Perugia, Gubbio, Pistoiese, Spezia, Pavia, Poggibonsi e Reggiana. Poi ha giocato campionati da protagonista anche in Serie D tra cui la  Viterbese, vittoria del torneo interregionale, Campobasso, San Sepolcro, Battipagliese, Lupa Castelli Romani, altro successo, Matelica, L’Aquila e Monterosi.

“Ho scelto la Flaminia Civita Castellana – ha detto il centrocampista – poiché ha un progetto importante messo in cantiere da una società seria e preparata e guidata da dirigenti che sanno il fatto loro. Qui c’è il futuro!”.

La trattativa per il trasferimento del giocatore  è stata portata avanti dal direttore sportivo Luigi “Gigi” Coni.

Hanno firmato e pertanto entrano nella lista dei giocatori confermati anche l’attaccante Alessandro Morbidelli, classe 1989, 32 gare in rossoblù nella scorsa stagione  e sei gol all’attivo, e il difensore  Gian Marco Carta, classe ’91, trentacinque presenze e sei gol.

“Con grande soddisfazione – dice il tecnico Francesco Punzi – accogliamo l’innesto di Boldrini e cosi come per Nohman siamo pronti a lavorare affinché possa esprimere  il meglio della sue capacità. Quanto alle conferme di Mordidelli e Carta sono due elementi di garanzia e  fondamentali per la rosa poiché possono  facilitare l’inserimento grazie alla loro esperienza  nel gruppo dei neo-arrivati”.

Il Flaminia, un pezzo alla volta, sta mettendo insieme una compagine interessante.

In this article

Lascia un commento