Unipomezia, basta un rigore di Laghigna

La massima punizione decide la partita di Nemi in favore della formazione di Grossi

91
91

Unipomezia, basta un rigore di Laghigna

Sono di Boreale Don Orione, Montespaccato Savoia e Unipomezia le tre vittorie esterne di questa prima giornata di campionato. Una doppietta di Gianotti consente alla formazione di Via della Camilluccia di uscire dall’Ivo Di Marco con i tre punti in tasca: tutto ciò dopo che l’Ottavia ha provato a mettere in discussione la partita d’esordio con la rete del momentaneo pareggio segnato da Vita, per la squadra di Luigi Miccio.
La compagine del presidente Massimiliano Monnanni vince in rimonta (3-1) sul terreno di gioco di una Vigor Perconti protagonista di un buon primo tempo chiuso in vantaggio con una rete di Gallani.
Nella ripresa una personale doppietta di Colasanti, autore di un eurogol in occasione del momentaneo 1-2, e una rete di De Dominicis, concedono il primo sorriso del nuovo anno sportivo all’undici di via Stefano Vaj, dopo l’illustre cessione al Catanzaro Via Atalanta del Duca del Gol, Aimone Calì.
Un rigore di Laghigna nella prima frazione di gara consente all’Unipomezia di Valter Valle e Sandro Grossi di espugnare il “Luciano Iorio” di Nemi, casa dello Sporting Genzano che tanto bene ha fatto, la scorsa stagione.
Filoia e De Marco portano avanti di due reti l’Eretum al “Fausto Cecconi” sulla rientrante Monti Cimini, che ha solo dimezato lo svantaggio nella ripresa con Manuel Vittorini. La compagine eretina vuole vivere da protagonisti questa stagione fino in fondo e magari poter lottare fino al termine per le posizioni di vertice.
Inizia con una soddisfazione interna il Falasche Lavinio, che supera per 3-2 al “Villa Claudia” il Villaba. Al 17′ Regis porta avanti i tiburtini di Diego Leone, ma al 39′ Seferi su rigore regala il pari all’undici nettunense. Taviani ribalta il risultato a inizio ripresa e poco dopo ancora Seferi firma il momentaneo 3-1, messo in discussione dalla rete ospite di Taverna.
Vince con lo stesso risultato la Virtus Nettuno che, nella gara pomeridiana al Centro Sportivo Primavera di Aprilia, ha la meglio sul Real Monterotondo Scalo. Ultimi minuti del primo tempo vibranti con Nardini che porta avanti la formazione tirrenica al 40′ e Lupi che ribalta con 2 reti negli ultimi 2 minuti della frazione di gioco l’esit. Nella seconda parte Tomei e Caronti determinano il controsorpasso.

Battesimo con pareggio – Nel giorno in cui tanta curiosità accompagnava diverse squadre iscritte al torneo più importanti, in tanti, anche troppi, si sarebbero attesi un successo del reclamizzato Tivoli. Ma in altrettanti non hanno fatto i conti con la quadratura, la condizione e la conduzione tecnica dell’Anzio, che esce con un positivo 2-2 dallo stadio “Olindo Galli”. Nanni porta avanti gli anziati con i tiburtini che vanno in rete con Luca Di Giovanni; Piro sigla la rete del 2-1 ma i ragazzi di Mario Guida reagiscono e pareggiano con Marino.
Mautra lo stesso risultato al campo “Le Muracciole” tra Aranova e Cynthia per l’esordio assoluto in categoria della compagine di Andrea Schiavi. Al 27′ Lukaj porta avanti i genzanesi di Antonucci, ripresi da Bussi pochi minuti dopo. La squadra castellana torna avanti appena iniziato il secondo tempo, gol di Silvagni, e la seconda segnatura del club fiumicinese è di Italiano. Un’altra “X” esce dal derby della Via Aurelia, tra la Corneto Tarquinia e il Civitavecchia, avanti appena prima dell’intervallo, grazie alla rapidità di esecuzione di Tabarini. Il punto del pareggio per i padroni di casa giunge in Zona Cesarini, e anche in questo caso è una rete d’autore: la firma è di Pastorelli.

In this article

Lascia un commento