Civitavecchia e Sporting una rete e un punto ciascuno

In un "Tamagnini" vestito a festa termina in parità la seconda giornata tra le squadre di Caputo e Salerno

74
74

Una rete e un punto per uno

CIVITAVECCHIA CALCIO 1920-SPORTING GENZANO 1-1

Civitavecchia Nunziata, Funari, Feuli, Bevilacqua (89′ Tiozzo), Fatarella, Leone, Tabarini, Serpieri (80’ Selvaggio), Di Domenico (36’ Converso, 71′ Veronesi), Ruggiero, Toscano (57′ Cerroni). A disp. Pancotto, Treccarichi, Mondelli, Luciani. All. Paolo Caputo.

Sporting Genzano: Leacche, Anastasio, Ruggeri, Barone, De Santis, Dei Giudici, Valente, Rossi (65′ Corsi), Dari, Santini (30′ Matteo, 84′ Proi), Longo (75′ Grillo). A disp. Sabbatini, Sciosc i, Corsi, Fatta, Gentilini. All. Aldo Salerno.

Arbitro Sig. Igliozzi.

Reti 19’pt Valente rig., 24’pt Ruggiero

Note: ammoniti Serpieri, Matteo, Leone, Corsi, Funari, Leacche.

Finisce in parità Civitavecchia-Sporting Genzano e succede tutto nel primo tempo. Valente su rigore porta avanti i suoi ma cinque minuti dopo ci pensa Ruggiero a ristabilire la parità. Una frazione per il resto scarsa d’emozioni alla quale fa eco una ripresa in cui la Vecchia poteva portare a casa la gara. Se non è accaduto è stato da una parte merito di Leacche, provvidenziale su Ruggiero, dall’altra la scarsa precisione dei civitavecchiesi.
Colpo d’occhio da far rabbrividire alla Bombonera del “Tamagnini”. La Brigata Campo Dell’Oro dedica la prima stagionale al compianto Flavio Gagliardini: un 4×3 che cala silenzioso sulle tribuna a ricordare la magnificenza umana e da calciatore di Flavio.

Ci si torna a giocare in via ufficiale dopo quattro mesi, di buon auspicio il calore manifestato dal pubblico civitavecchiese verso la propria squadra. Toccante il momento in cui Marco Bevilacqua e Gigi Ruggiero depositano un mazzo di fiori e una maglia in tribuna, esattamente sul posto dove abitualmente si sedeva l’ex presidente della Compagnia Portuale Sergio Presutti. Non si dimentica l’anima di questa realtà odierna. Mister Caputo sconvolge la formazione dopo le prime due uscite: Nunziata si piazza tra i pali con Leone e Fatarella davanti a lui, mentre ad agire sulle fasce ci sono Funari e Feuli. Nella mezzeria di centrocampo Bevilacqua e Serpieri, Ruggiero tra le righe ad innescare il tridente d’attacco composto da Toscano, Tabarini e Di Domenico.

La gara – Al 2′ si affaccia lo Sporting Genzano: Anastasio scodella al centro con la sfera che attraversa tutta l’area piccola per un nulla di fatto. Gara tattica, il Civitavecchia tiene possesso e campo ma non punge in avanti: gli manca la profondità. Al 20′ castellani in gol. Cross al centro con la sfera che si infrange su una mano di un difensore di casa. Igliozzi non ha dubbi e concede il rigore che Valente trasforma.

La “Vecchia” riagguanta al 25′. Tabarini imbecca Ruggiero che si incunea in area e “secca” Leacchè dopo un dribbling. Uno a uno.

Lo Sporting Genzano ogni volta che spinge affonda a piacere, la Vecchia pratica una manovra povera di spunti in avanti. Il pari è sostanzialmente giusto, alla fine della prima frazione. Ripresa senza sostituzioni. Parte forte la Vecchia, neanche un giro d’orologio, Ruggiero per Tabarini che manda di un soffio alto. All’8° Nunziata per due volte si oppone alle conclusioni di Longo, provvidenziale. Finirà qui la spinta dei ragazzi di Salerno. Al 23′ Feuli conclude un’azione in tandem con Serpieri nelle mani di Leacche. Ruggiero poco dopo raccoglie da Cerroni, entrato al posto di un Toscano ancora imballato,  con Leacche che si supera per respingere. Sarà provvidenziale: è l’intervento salva-partita. Lo Sporting Genzano è calato vistosamente e si attende solo il sussulto del vantaggio, la Vecchia arriva più frequentemente al tiro ma non basterà per i tre punti.  Feuli spara alto un minuto dopo sugli sviluppi di un corner. Le occasioni ora fioccano, ancora Ruggiero con Leacche che respinge. Lo Sporting quando può riparte in contropiede, ed è Valente a scaldare le mani di Nunziata alla mezz’ora. Decisiva la deviazione in corner dell’estremo difensore civitavecchiese.

Le squadre sono stanche, può succedere di tutto ma la gara si trascina anche nei cinque di recupero, ha il sopravvento il caldo. Finisce cosi, un uno a uno che fa intascare un punto al Civitavecchia tra qualche rammarico e con qualcosa nella manovra, soprattutto nella prima frazione, ancora da sistemare.

In this article

Lascia un commento