Palestrina voglia di volare

67
67

Palestrina voglia di volare

 

L’Unione Sportiva Palestrina riesce ad avere la meglio sul Sora per 2-0 con una doppietta di Michele Gallaccio, e si issa in vetta al Girone B, con 11 punti: è questo il responso dello stadio “Antonio Sbardella” e della concomitante battuta d’arresto patita dinnanzi al proprio pubblico dall’Ausonia. A Madonna del Piano, all’Atletico Lodigiani di Marco Di Rocco basta un golletto di Filippo Paolocci segnato all’11’, per aver ragione della quotata formazione di casa, che resta a 10 lunghezze, raggiunta proprio dai biancorossi romani di San Basilio. Il Gaeta si sistema a 9 dimenticando recenti dubbi, nel battere per 2-1 una Vis Sezze sempre da prendere con le molle, ma alla quale non basta il golletto di Giannone, di fronte a quelli firmati da Marciano e Leccese. A 8 sale, di fianco ai ragazzi di Flavio Catanzani, l’Astrea, che finalmente trova una soddisfazione come Nostro Signore comanda, nel 2-0 imposto, a domicilio, alla matricola Paliano. Con loro anche una modesta Audace, che non va oltre l’1-1 contro il Morolo che è tutto tranne che irresistibile, nell’anno delle grazie ricercate, dal club biancorosso: nella fattispecie per la compagine di Gianni Mastropietro il gol è stato segnato da Cissé.

La Pro Cisterna, ora a 7, riesce a destarsi battendo per due reti a una il Casal Barriera, che sembra aver imparato poco, dalle precedenti frequentazioni con il massimo campionato. Stessa dote per l’Atletico Vescovio, che regola di misura e aggancia il Formia, e con questo gruppetto troviamo anche l’Itri, che supera per 3 a 2 un’Arce lontana parente dei sogni di mezza estate fatti dalla dirigenza gialloblu. Se i biancorossi romani battono la formazione tirrenica con un solo gol, segnato da Masi, il corposo risultato itrano è dovuto alle realizzazioni di Cano Iguaddu e Onorato; e non può essere sufficiente, pure autore di una doppietta personale, Pintori. Con lo stesso risultato perde al “Mario Tobia” il Pontinia che è in fondo alla classe, per la gioia di un Campus Eur che trova tre reti, tre punti, e adesso deve solo lavorare per migliorare la transizione difensiva. E’ vero, si tratta di una squadra giovane: ma centrocampo e difesa, riusciranno, in un solo turno di torneo, a far uscire il loro portiere imbattuto?

In this article

Lascia un commento