Turris beffa evitata nel finale

La capolista, spreca tanto ( anche un rigore) ma al 90' riesce ad evitare una cocente beffa

37
37

Turris sprecona davanti al pubblico amico al cospetto di un’Arzachena, ben messa in campo dall’esperto Mauro Giorico.
Prima frazione abbastanza equilibrata al “Liguori” di Torre del Greco con gli smeraldini che chiudono i varchi all’attacco della Turris.
Nella ripresa la musica cambia con l’undici di Fabiano che prende in mano le redini del gioco ma sono gli ospiti a passare con Ponsat al 13′; la Turris spreca tanto compreso un rigore nei minuti finali con Alma che si fa respingere il tiro da Ruzittu, sulla respinta Longo che, al 90′ eviterà una beffa atroce, colpisce in acrobazia la traversa.
Del mezzo passo falso della capolista ne approfitta il Latte Dolce che si porta a 4 lunghezze dalla vetta; l’undici sassarese, dopo 3 sconfitte consecutive torna a sorridere con il 2-0 britannico inflitto a un Cassino che si allontana definitivamente dalle primissime posizioni, l’incontro del “Vanni Sanna” è deciso nella prima parte dell’incontro con Virdis in rete al 10′ e Cabeccia dopo circa un quarto d’ora.
Chi perde l’occasione è invece l’Ostia Mare che vincendo si sarebbe portata a sole 2 lunghezze dal vertice; la compagine di via Amenduni disputa una delle peggiori partite della stagione per dirla come il suo tecnico Raffaele Scudieri, va sotto all’”Anco Marzio” con Ladu nel primo tempo e pareggia solo nel recupero con Facchini.
Si porta a – 5 dalla vetta un Trastevere che a via Vitellia con il Latina superato per 3-1 conquista la nona vittoria stagionale a fronte di 5 sconfitte; De Juliis nel primo tempo portava avanti i capitolini con Cardella che prima dell’intervallo portava l’incontro sulla parità con l’undici di “patron” Betturri che nella ripresa andava in rete con Lo Russo e Bertoldi che andava a segno dagli 11 metri come aveva fatto De Juliis nella prima frazione di gara.
La Torres sale a 26 punti portandosi a – 6 dalla vetta, dopo il successo esterno nell’anticipo di sabato al “Mazzucchi” di Ardea con il Team Nuova Florida, superato da una rete di Sartor Camina poco prima dello scoccare dell’ora di gioco. Sia per la Torres che per il Trastevere ci si chiede dove queste due formazione sarebbero potute essere se non avessero sprecato punti per strada.
Male, anzi malissimo l’Aprilia che al “Quinto Ricci” cede clamorosamente al fanalino di coda Città di Anagni sempre ultimo ma con qualche speranza in più dopo il successo esterno scaturito dalle reti di Flamini, nel primo tempo e di Cardinali e Savo nella riprese con le rondinelle che andranno sul momentaneo pari nel finale di prima frazione con Crescenzo. Per la cronaca la compagine di Davide Mancone che veniva da 4 sconfitte consecutive non vinceva dal 15 settembre scorso quando s’impose per 3-1 sul Portici.
Tre punti importanti per il Budoni in chiave salvezza per 1-0 sulla Pro Calcio Tor Sapienza con Monza in rete a un quarto d’ora dalla fine ; è la seconda vittoria consecutiva per la compagine isolana dopo il ritorno in panchina di Raffaele Cerbone.
Mezzo passo falso per il Ladispoli che non riesce ad avere la meglio sul Portici e riesce a pareggiare solo nella ripresa con Di Mario dopo aver chiuso il primo tempo sotto di una rete, quella siglata da Guarracino.
Infine pari con reti all’”Andrea Caslini” di Colleferro con Vis Artena e Muravera che chiudono la gara sul 2-2 al 29′ La Vista porta avanti gli isolani, al 42′ su rigore e al 58′ D’Alessandris ribalta il risultato per l’undici di Stefano Campolo che verrà definitivamente raggiunto 10 minuti dopo da Ahmed.

RISULTATI

TURRIS-ARZACHENA 1-1
LATTE DOLCE-CASSINO 2-0
OSTIA MARE-LANUSEI 1-1
TRASTEVERE-LATINA 3-1
TEAM NUOVA FLORIDA-TORRES 0-1
APRILIA-CITTA’ DI ANAGNI 1-3
VIS ARTENA-MURAVERA 2-2
BUDONI-PRO CALCIO TOR SAPIENZA 1-0
LADISPOLI-PORTICI 1-1

CLASSIFICA

TURRIS 32
LATTE DOLCE, OSTIA MARE 28
TRASTEVERE 27
TORRES 26
APRILIA, CASSINO 21
LATINA 20
MURAVERA, VIS ARTENA 19
TEAM NUOVA FLORIDA 15
BUDONI, LANUSEI, PORTICI 14
ARZACHENA 13
PRO CALCIO TOR SAPIENZA 12
LADISPOLI 11
CITTA’ DI ANAGNI 9

In this article

Lascia un commento