Il Real Monterotondo Scalo fa il…Bayern Monaco: 9-1 all’Ottavia

180
180

Tutta l’Eccellenza minuto per minuto

Il Real Monterotondo Scalo fa il

…Bayern Monaco 9-1 all’Ottavia

Il Fiumicino è bello a metà, il Cerveteri ne approfitta e rimonta

 

La capolista solitaria del Girone A è il Real Monterotondo Scalo, che ha cancellato in soli 13 minuti quanto di buono, positivo e compatto l’Ottavia aveva saputo mettere in piedi nel turno del rientro all’attività agonistica (4-0) con la Favl Cimini. Al “Pierangeli” reti di Pascu al 4 e al 12’, Lupi al 13’, Pasqui, Lalli (31’) e ancora Lupi (34’) in una domenica da incubo, per i giocatori di Pino Porcelli. Quelli di Attilio Gregori non si fermavano e nella seconda parte segnavano con Sganga (5’), Baldassi (12’) e Tilli (21’). Al 42’ Petricca per il punto della bandiera ma il 9-1 emerso da Via Salaria racconta, da una parte, sì, di Doctor Jekyll & Mister Hyde, dall’altra della voglia matta di correre, costruire, concludere e segnare della compagine del presidente Bruno Saccà, prima a punteggio pieno, con 6 lunghezze di dote.

Partita strana, quella nel Viterbese, dove anche qui c’è una formazione che cercava riscatto, la Polisportiva Favl Cimini, e dall’altra una cui è girato tutto storto. Vittorini su rigore dopo neanche un minuti, due rigori sciupati dal Civitavecchia, uno per frazione. Il raddoppio è di Conteh al 36’, poi Pagliarini (53’) e ancora Vittorini (75’) nel 4-0 finale, che assegna i primi tre punti all’unica rappresentante dell’Alto Lazio, vista l’assenza di realtà del distretto reatino.

Assenza di reti, di gioco e in buona parte anche di conclusioni verso la porta avversaria: questa la sintesi di uno scialbo 0-0 tra Pomezia e Ladispoli. Chi l’ha vista in diretta televisiva non si è particolarmente entusiasmato. Serve, il minimo raccolto a reti inviolate, a smuovere di quel minimo la classifica per i tirrenici esordienti, e portarsi a 2 punticini per i rossoblù di Via Pontina.

L’anticipo di sabato non ha deluso le attese per l’impegno dei contendenti anche se per il ritmo visto ci saremmo attesi parecchio di più, nell’1-0 di misura che la Boreale ha segnato e difeso con le unghie e con i denti. La Vigor Perconti ha costruito quattro situazioni d’attacco nella prima mezzora delle quali due nitide, poi si scontrano Rocchi e Carbonelli, con il centravanti che è dovuto ricorrere a un repentino ricovero precauzionale al 31’. Alla ripresa vistoso errore nel rimettere la palla in gioco della formazione ospite, un passaggio orizzontale da film-horror, con la Boreale Don Orione quel momento con Rocchi in panchina a medicarsi, Carbonelli fuori campo in attesa del permesso utile a rientrare, che in 9 (!), riesce ad andare in rete con Cotani, autore di un gol di rapina. Ha rubato il pallone nei pressi dell’area avversaria, e lasciato partire un tiro di piatto destro diagonale sul quale, per precisione e impatto, Trinchera nulla ha potuto.

Quando la Boreale rimarrà in 10 per una evidente ingenuità di Petrocchi al 70’, non basteranno altri 20 giri di lancetta, 3 vistose occasioni sciupate, una che grida vendetta con De Fazio impreciso sotto misura, e altri 4 minuti neutralizzati dalla Stavagna di Viterbo, a rimettere a posto la partita. Sul piano dei tiri prodotti potremmo dire che la Boreale Don Orione ha ottenuto il massimo, con il minimo messo in piedi. Ma in realtà trattasi di una squadra ordinata, compatta, nel cui organico ognuno sa quello che deve fare: dal 4-4-1 chiamato da mister Franceschini si è saputa adeguare, in inferiorità numerica, anche a difendere a 5, quando la benzina era abbondantemente in riserva per non dire finita. Tre punti d’oro. Dall’altra parte una Vigor Perconti tutta a trazione anteriore, dal 58’ in poi con 3 punte fisse diventate 4 e 5, strada facendo, che ha difettato sia nella rifinitura che nel gioco di squadra, in fase d’attacco.

Il Fiumicino ha offerto una partita dai due volti, al “Galli”, con tre reti segnate in 37 minuti: al 27’ gol di Forcina, 6’ dopo raddoppio rossoblù siglato da Marzi, e Rei al 37’ triplica. Poi nel secondo tempo comincia un’altra partita, con Di Mario che ne segna ben 3, da solo, all’11’, al 30’, e al 37’. Per i ceriti un gol di Federici, in rete al 25’ per il parziale 2-3. Alla fine il Cerveteri ha vinto 4-3, un esito che lascia l’amaro in bocca a una formazione ospite che aveva fatto vedere diverse cose positive, ma che non sa chiuderli proprio, gli spazi, dalla metà campo verso il suo portiere.

Ha riposato l’Aranova.

 I NUMERI E I RIFERIMENTI DEGLI EPISODI CHE HANNO DECISO I RISULTATI DELLA 2° GIORNATA

REAL MONTEROTONDO SCALO-OTTAVIA 9-1 4′, 12′ Pascu (RMS), 13′. 34′ Lupi (RMS) 21′ Pasqui (RMS), 31′ Lalli (RMS), 50′ Sganga (RMS),57′ Baldassi (RMS), 66’Tilli (RMS), 87′ Petricca (O)

* = le squadre con l’asterisco sono quelle che hanno osservato un turno di riposo nelle prime due giornte.

BOREALE DON ORIONE VIGOR PERCONTI 1-0 GIOCATA SABATO 35′ Cotani

POL FAVL CIMINI-CIVITAVECCHIA 4-0 4′ su rig, 75′ Vittorini, 36′ Conteh, 53′ Pagliarini

POMEZIA-LADISPOLI 0-0

CITTA’ DI CERVETERI-FIUMICINO 4-3 27′ Forcina (F), 33′ Marzi (F), 37′ Rei (F), 56′, 75′, 82′ Di Mario (CDC), 70’ Federici (CDC).

GIRONE A: Real Monterotondo Scalo 6 punti;

Boreale Don Orione 4, Aranova*, Ottavia, Polisportiva Favl Cimini, Città di Cerveteri 3 punti; Pomezia 2; Ladispoli*, Vigor Perconti, Civitavecchia 1, Fiumicino 0.

  • = Le squadre che hanno l’asterisco sono quelle che hanno già osservato il turno di riposo nelle prime due giornate.
In this article

Join the Conversation