Lupa Frascati seconda: non basta il blitz (3-1) al “Mario Tobia”

346
346

Lupa Frascati seconda: non basta il blitz (3-1) al “Mario Tobia”

 

Campus Eur-Lupa Frascati 1-3

Campus Eur: Milan, Capanna, Marini (30’ Pietrini), Calveri, Giorgi, Castelluccio (59’ Cosentino), Stufa, Riccardo Cangiano (66’ Bucur), Proietti (65’ D’Angeli), Necci (43’ Babucci), Amadio. A disp. Barrago, Rambaldo, Bruziches, Visconti. All. Salvatore Cangiano.

Lupa Frascati: Mennini, Fumaselli, Razzini (76’ Luciani), Paolelli, Molinari (81’ Di Bari), Pallocca (72’ Bergamini), Hrustic (53’ Lupo), Luciani, Pompili, R. Muzzi, N. Muzzi. A disp. Chingar, Amantini, Galassini, Fortunato, Salvati. All. Pace.

Arbitro: Mascolo di Castellammare di Stabia.

Reti: 17’ Pompili (F.), 22’ R. Muzzi (F.), 51′ Amadio (C.E.), 53’ N. Muzzi (F.).

Note: giornata calda e soleggiata, campo sintetico, partita a porte chiuse. Angoli 6-3 per Campus Eur; recuperi 3’pt , 3’st.

 

di Emanuele Vignoli

 

ROMA – Doveva vincere e sperare, la Lupa Frascati. Cosi è stato. Ha conquistato meritatamente i tre punti ed ha sperato fino al 90’ in un buon risultato che dovesse giungere da Selva dei Pini, dalla partita tra l’Indomita Pomezia e l’Unipomezia, gara restata aperta fino al termine e finita sull’uno a zero per merito di Massella.

I numeri raccontavano che la Campus Eur non avesse mai perso tra le mura amiche, mentre la Lupa non aveva mai pareggiato in questo torneo di fine Primavera.

Federico Pace schiera il solito 4-4-2 che vede Mennini in porta, linea di difesa composta da Fumeselli, Paolelli, Razzini e Molinari. Mediana con Pompili, Pallocca, Hrustic e Luciani; davanti agiscono i due Muzzi, Ramòn e Nicholas.

Il Campus Eur risponde con un 4-5-1 che spesso diventa 4-3-3 in fase di possesso-palla. Il giovane Tommaso Milan in porta, Capanna, Giorgi, Castelluccio e Marini in difesa: linea mediana con Calveri, Stufa e Cangiano. In attacco si alternano Proietti, Capitan Necci e l’ottimo Alessio Amadio.

I giocatori romani partono forte e sono subito pericolosi con Amadio: il diagonale termina fuori di poco. Le due squadre giocano a basso ritmo nei primi minuti di gioco. Il gol del vantaggio della Lupa arriva al 17’: Pompili al limite dell’area fraseggia bene con Ramòn Muzzi, con lo stesso Pompili che, appena dentro l’area, batte Milan.

Il Campus Eur risponde su azione da calcio d’angolo. Castelluccio incorna alto (19’). Al 22’ in una classica azione di rimessa, Nicholas Muzzi fugge sulla destra, mette in mezzo per l’accorrente fratellino Ramòn, che realizza. Due a zero.

Sul finire di tempo sempre pericoloso Amadio ma il tiro in diagonale termina di poco a lato. La prima frazione si chiude sul due a zero per la Lupa, mentre sul campo dell’Indomita Pomezia le reti sono bianche. Al rientro negli spogliatoi la Lupa è prima “virtuale” nel Girone B.

La ripresa è più scoppiettante. Il Campus Eur non ci sta a perdere ed aumenta i giri del motore. Al 6’ Nicholas Muzzi inventa per Molinari, che calcia alto. Un minuto dopo è Amadio, a riaprire i giochi e i conti. Bella la punizione dai venti metri con la palla che entra sotto il “sette”. Uno a due.

All’8′ l’azione della terza rete giallorosso. Protagonisti del duplice vantaggio sono i fratelli Muzzi. Questa volta è Ramòn che inventa per Nicholas. L’azione, nemmeno a dirlo, si concretizza sempre in contropiede.

Di Babucci per due volte la palla del tre a due, mentre il palo è colpito dal neo-entrato Bucur. E’ anche sfortunato, il Campus Eur, che ha messo in mostra giovani interessanti, nel secondo tempo. Fra tutti Andrea D’Angeli (un 2000).

La Lupa Frascati termina 2° nel duello con l’UniPomezia, che ha vinto di misura, e tanto bastava, senza chiudere in più occasioni, il confronto-derby in casa dell’Indomita.

In this article

Join the Conversation